• Silvia Sacchini

Stress: cos'è e da cosa è causato

Conosciamo cos’è lo stress e da cosa è causato


Cos’è lo stress

Lo stress è la risposta psicofisica che l'organismo mette in atto in seguito a richieste e compiti emotivi, cognitivi o sociali percepiti dalla persona come eccessivi.

Questo significa che un evento stressante per qualcuno potrebbe non esserlo per altri e che uno stesso evento, in fasi di vita diverse, può risultare più o meno stressante.



Chi ha inventato lo stress?

Anche se la parola stress la conoscono tutti, non tutti sanno che in origine era un termine legato alla fisica, usato per descrivere il processo per cui si sottopone un materiale a forze tali da deformarlo o romperlo.

Sull’uomo le conseguenze di un’elevata pressione sono state dimostrate per la prima volta negli anni ’30 da Hans Selye, biochimico e scienziato ormonale, che ha sviluppato la teoria della Sindrome Generale di Adattamento.


Secondo questa teoria, una persona sottoposta a stimoli stressanti, come pressione di rendimento, carico psicologico, rumore eccessivo o fame, reagisce:

  • A breve termine, adattandosi con una resistenza maggiore.

  • A lungo termine, se continua a resistere, nel suo organismo possono verificarsi lesioni e modificazioni fisiologiche, emotive e cognitive durature, gravi e persino mortali.



Combatti o fuggi - Effetti immutati dal tempo dei tempi

Da sempre, l’effetto dello stress sul corpo è uguale per tutti: durante un pericolo o un evento impegnativo, l’organismo mobilizza tutte le sue forze per combattere o per sfuggire (“fight or flight”).

Nel farlo si attivano gli ormoni dello stress, l'adrenalina e la noradrenalina,

che velocizzano la respirazione e il battito cardiaco, aumentano la pressione arteriosa e riducono la sensibilità al dolore.

Se la minaccia passa, il corpo si tranquillizza.

Se invece il pericolo perdura, l’organismo inizia a produrre il cortisolo, ormone utile per mantenere la persona pronta ad agire.

Si tratta di meccanismi sensati e che non producono danno, a patto che il corpo torni al suo stato normale abbastanza rapidamente.

Da sempre lo stress fa parte della vita e ha anche i suoi lati positivi, infatti ci permette di affrontare con energia le difficoltà e ci fa sperimentare gioia nel successo.



Tipologie di stress

È importante differenziere lo stress in base alla natura dello stressor o evento che crea stress. Possiamo avere:

  • Eustress o stressor benefici e positivi, che danno tono e vitalità all’organismo.

  • Distress o stressor negativi e pesanti da tollerare, che possono portare ad un abbassamento delle difese immunitarie.

Grazie a questa differenziazione è possibile uscire dal preconcetto di stress come evento puramente negativo.

Questo apre le porte alla possibilità di immaginare e vivere le novità e gli stimoli della vita in modo positivo.


Secondo gli scienziati, oltre alla natura dello stressor, è importante prendere in considerazione la durata dell’evento stressante. La durata porta a distinguere lo stress in due categorie:

  • Quello acuto, che si verifica una sola volta e in un lasso di tempo limitato come presentare un progetto, organizzare una festa in famiglia o rispettare la scadenza di un compito.

  • Quello cronico, cioè quando lo stimolo è di lunga durata come per es. Lunga assistenza ad un anziano o ad una persona cara malata.

Gli stress cronici possono essere ulteriormente distinti in:

  • stress cronici intermittenti che si presentano ad intervalli regolari, hanno una durata limitata, e sono quindi più o meno prevedibili e di conseguenza gestibili.

  • stress cronici propriamente detti che sono invece rappresentati da situazioni di lunga durata, tali da investire l’intera esistenza di una persona.

Solo lo stress cronico è problematico.

Non è detto, quindi, che qualsiasi stress sia rischioso per la salute.



Le cause dello stress

Le cause dello stress possono essere di diversa natura e variabili da persona a persona.

Lo stress può infatti essere provocato da:

  • eventi e cambiamenti di vita importanti, sia piacevoli che spiacevoli come ad esempio: matrimonio, pensionamento, nascita di un figlio, lutti, separazioni e divorzi, trasferimenti, problemi sessuali, troppo lavoro o preoccupazioni economico-lavorative, evento traumatico, ecc.;

  • cause fisiche: il freddo o il caldo intenso, abuso di fumo e di alcol, insonnia, gravi limitazioni nei movimenti;

  • fattori ambientali: la mancanza di un’abitazione, ambienti rumorosi e inquinati;

  • malattie organiche: quando il nostro corpo è affetto da una malattia, l’intero organismo, nel tentativo di difendersi, si pone in uno stato di tensione che, nella maggior parte dei casi, per le scarse difese in grado di apportare, sfocia in una condizione di stress;

  • cataclismi.

Definito che la vita, in quanto tale, è stressante, solo la soggettiva percezione di ciascuno di noi differenzia chi vive positivamente la sfida e chi nella stessa situazione si sente sopraffatto.

Quindi lavorando sul nostro approccio al mondo e alla vita, possiamo imparare a vivere una reatà meno stressante.




Se sei incuriosito e vuoi approfondire, vai alla prossima lettura sullo stress.

Hai bisogno di un consiglio? Contattami subito: sarò felice di parlare con te.