Stile terapeutico

Lavoro come psicologa a Milano dal 2007 e, nell'arco di questi anni, ho strutturato uno stile psicoterapeutico che accoglie differenti approcci e che mi permette di adattare la terapia alla specificità della persona.

Proprio perchè siamo tutti esseri unici e molto complessi, abbiamo bisogno di essere compresi e collocati in un quadro di senso più ampio.

Per questo nella mia professione integro, all'intervento psicoterapeutico di tipo Gestaltico, diverse risorse che mi permettano di lavorare su più livelli, come: l'EMDR, la psicologia positiva, la mindfulness e la psicologia dello yoga.

In ultimo, ma non per questo meno importante, la mia attività si basa fortemente sulla relazione terapeutica, in cui vengono affrontati i temi emergenti portati dalla persona, con il fine di ritrovare il benessere e la felicità.

Psicoterapia della Gestalt

 “Gestalt” è una parola tedesca che significa “struttura unitaria”,  “configurazione armonica”. Significa forma e struttura coerente nelle sue parti.  L’approccio della Gestalt è quindi orientato a ricercare  l’unità corpo-mente, a integrare le parti per generare armonia e un equilibrio dinamico.

La terapia della Gestalt sostiene e promuove il processo di cambiamento attraverso la crescita della consapevolezza dentro e fuori di sè.

EMDR

L’EMDR (eye movement desensitization reprocessing, desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari) è un trattamento psicoterapeutico rivolto ad alleviare lo stress associato ai ricordi traumatici del PTSD (disturbo post traumatico da stress).

Psicologia Positiva

Sul piano individuale valorizza le esperienze soggettive: benessere, appagamento, speranza, ottimismo, autoaccetazione e autoefficacia.

Si focalizza inoltre sui tratti positivi individuali: le abilità interpersonali, il coraggio, la perseveranza, l’orientamento al futuro, la spiritualità, la saggezza.

A livello di gruppo evidenzia le virtù civiche, la responsabilità, l’educazione, la tolleranza, l’altruismo.

Mindfulness

E’ coltivare intenzionalmente la modalità dell’essere invece che la modalità del fare. È un allenamento all’attenzione e alla consapevolezza di ogni sensazione, pensiero o immagine che si presenti nel qui ed ora, così da non perdersi in pensieri che ci portano dove vogliono loro (nel passato con il rimpianto, o nel futuro con l’ansia) e che causano tristezza, rabbia e altre emozioni spiacevoli. 

Psicologia dello Yoga

Lo yoga, pur essendo considerato da molti una pratica fisica o al massimo una filosofia, costituisce in realtà uno dei maggiori contributi della cultura orientale alla psicologia occidentale. 

“La saggezza Indiana è la più profonda che esista e la ricerca della psicologia conferma, passo dopo passo, le affermazioni in essa contenute” (Carl Gustav Jung)